13/12/2013 – come funziona la petizione nel mondo?

di Dario Rinco

Il presidente americano Barack Obama dovrà prendere seriamente in considerazione la possibilità di cambiare la legge statunitense sulla privacy. Sul sito della Casa bianca sono infatti arrivate oltre 100.000 firme di cittadini americani, raccolte tramite un’iniziativa popolare.

Negli USA la soglia delle 100mila sottoscrizioni obbliga il governo a dare una risposta poiché ciò è stabilito per legge.

La petizione è scaduta il 12 dicembre 2013 e ha abbondantemente superato il numero di firme richieste.

Il comitato promotore sostiene che, dopo lo scandalo datagate, il congresso debba cambiare le regole sulla privacy creando nuove barriere contro lo spionaggio.

Come funziona invece in Italia?

La petizione popolare è prevista dalla nostra Costituzione che all’articolo 50 recita:

Tutti i cittadini possono rivolgere petizioni alle Camere per chiedere provvedimenti legislativi o esporre comuni necessità.

Benché sia un diritto/strumento di Democrazia Diretta dei cittadini sovrani, dopo 66 anni dalla nascita della Costituzione Italiana, l’articolo 50 non è ancora stato regolamentato con relativa legge attuativa.

Dunque l’esercizio di tale diritto costituzionale, non prevedendo un tempo di risposta, è di fatto privo di valore, reso inefficace o addirittura negato

3 Responses to 13/12/2013 – come funziona la petizione nel mondo?

  1. Ottimo ! Ed io aggiungo:

    In Italia a livello locale la Petizione si DEVE regolamentare con dispositivi di attuazione poiché previsto da una legge dello Stato da oltre 22 anni (Legge 142/90). La quasi totalità delle amministrazioni locali che hanno provveduto – non tutte lo hanno fatto – hanno previsto un determinato numero di firme quando a livello locale la petizione può essere presentate anche da un singolo cittadino a cui l’amministrazione DEVE garantirne il TEMPESTIVO ESAME.
    Sembra che un’intero Consiglio comunale ad esempio, essendo questo l’organo che ha il compito di deliberare lo Statuto comunale, non sappia leggere la lingua italiana e/o non abbia conoscenze elementari di grammatica poiché leggendo il comma 3 dell’art. 8 Dlgs 267/00 si evince che le firme di un adeguato numero di cittadini occorrono per i REFERENDUM. Detto comma è infatti composto da due periodi distinti (separati dal punto) e il primo periodo recita chiaramente che cittadini anche singoli possono presentare istanze, petizioni e proposte all’amministrazione locale.
    Per finire evidenzio anche che pur avendo regolamentato la petizione e avendo pure indicato nello Statuto comunale, provinciale e regionale – o nel regolamento attuativo – un determinato periodo entro il quale l’amministrazione deve dare risposta ai proponenti di una Petizione (garanzie del loro tempestivo esame) alcune amministrazioni non rispondono MAI !

    Ma siamo in Italia e c’è qualcosa che non quadra nella gente che fa politica nelle stanze dei bottoni di questo paese perché anche quando i cittadini hanno gli strumenti e li utilizzano, gli eletti li ignorano (referendum abrogativo finanziamento pubblico ai partiti – nucleare – acqua)

  2. Per completezza:
    Art. 8 Dlgs 267/00 comma 3:

    Nello statuto devono essere previste forme di consultazione della popolazione nonché procedure per l’ammissione di istanze, petizioni e proposte di cittadini singoli o associati dirette a promuovere interventi per la migliore tutela di interessi collettivi e devono essere, altresi, determinate le garanzie per il loro tempestivo esame. (PUNTO)

    Possono essere, altresi, previsti referendum anche su richiesta di un
    adeguato numero di cittadini.

  3. Sulle petizioni nel mondo ho scritto un paio di post che sono inerenti all’argomento e che condivido con voi:
    http://piudemocraziaintrentino.org/2014/01/07/le-e-petition-in-scozia-germania-e-stati-uniti/
    Ovviamente la petizione non è la soluzione a tutti i problemi ma uno degli strumenti per permettere una migliore partecipazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>